14 giugno 2007

Sangue, Seme e ... Fantasia (Marat Sade - Roma Giugno 07)



E ci risiamo.
Sebbene il tempo ci sia nemico (nel senso che è sempre poco!!!), Caina continua nella sua ricerca degli eventi "real weird", da proporre (prima o poi) ai suoi lettori. E questa volta il "fattaccio" è stato inaspettato ed intenso.
Caina svolazzava sulle strade dell'Umbria, tra paeselli dal nome CASA DEL DIAVOLO (ma questa è un'altra storia) quando giunge una telefonata che non si può rifiutare: "stasera a Roma grande spettacolo dei MARAT SADE ... promettono Sangue e Sperma".

Eccheddobbiamofà??? Via ... si parte!!!

Giunti appena ad inizio spettacolo, la scenografia, per quanto grezzarella (aaahhhhh! la sedia di plastica no!!!) ci rapisce subito: strani alambicchi contenenti materiali liquidi bianco/lattiginosi e rosso emocromo promettono bene!


Giungono due personaggi: lui in bende bianche e in calzamaglia (nuovo look gotico???), lei in bianco algido (visitina ad H&M???).


 
Sembra che lui sia un infermiere, uno specialista o qualcosa di simile, mentre lei evidentemente malaticcia, approfitta degli aghi offerti dalla bocca del medico per delle analisi "approfondite".



A questo punto primo colpo di scena: siccome trovare un buon medico di questi tempi è molto arduo, la sveglia donzella decide di legarlo a se, a doppia mandata!



Come inizio non c'è male, direte voi! Caina è sovraeccitata, e volge uno sguardo ai musicanti che stanno contrappuntando con soavi melodie e aspri rumori la suddetta scena.

Abbiamo un trombettista/torero, forse anche un po curato di campagna.


Abbiamo un damino/veneziano che ulula, e un chitarrista/cavallerizzo virtuosistico.



Torniamo ai nostri due protagonisti iniziali: la fanciulla, evidentemente consigliata dallo specialista, continua con la cura a botte di fleboni, al seme e al sangue.



Ma evidentemente il medico non ha mai preso la laurea, e la tizia schiatta!



Secondo colpo di scena: facendo causa all'ASL dall'aldilà, la nostra eroina torna in vita, e inizia una pratica torturatoria verso il para-medico mentitore.



Chi di flebo ferisce ... di flebo perisce!



Ma siamo alla svolta della oscura e intricata vicenda: nelle loro lotte intestine/ospedaliere, i nostri eroi non han tenuto conto dei perversi musicanti, veri malvagi della vicenda, che rendono i due inoffensivi, per poi dedicarsi ai loro innominabili piaceri.



I laidi e malsani musici, prima brindano alle loro prede, pregustandone le tenere carni.



Quindi si lasciano andare alle loro libidini, in un tripudio di bukkake al seme e al sangue!




Naturalmente il tutto termina in una carneficina, e dalla morte nascono i fiori!



Bravi Bravi Bravi !!!

Ottimo spettacolo e ottime musiche.

Forse Caina ne ha stravolto il senso ... ma si complimenta davvero coi ragazzi! In fondo non è importante capire ... è importante "sentire".


O no???

0 commenti ricevuti:

Posta un commento